home News

cristina chiabotto a ecomondo, intanto proseguono i lavori

11 novembre 2011

La splendida Cristina Chiabotto ha camitato l'attenzione di tantissimi fans questa mattina a Rimini Fiera "E' la mia prima volta che vengo a Ecomondo - ha detto l'ex miss Italia, oggi affermata show girl e protagonista di spot pubblicitari - sono felicissima di essere qui: credo che i temi di questa fiera come l'ecologia, le energie pulite ed il riciclo siano fondamentali per tutti noi, oggi più che mai. Qui ci sono aziende che possono davvero cambiare il nostro pianeta, rendendolo più pulito e vivibile, soprattutto per le nuove generazioni. Io, con il mio sorriso, cerco semplicemente di portare l'attenzione su questi argomenti".
A proposito di riciclo, è uno dei temi principali della Fiera. Edolo Minarelli, direttore Business Unit Struttura Operativa Territoriale di Rimini di Hera SpA, ha ricordato gli obiettivi della direttiva comunitaria (65% di raccolta differenziata nel 2012) e di quanto il territorio riminese stia facendo per innalzare la quota di efficienza ambientale complessiva. "Oggi recuperiamo ad una precisa funzione più del 90% dei rifiuti differenziati - ha detto Minarelli - I livelli dei vari materiali hanno percentuali elevatissime: 96% il legno, 90% la carta, 94% il vetro ecc. Abbiamo allestito un sistema che orienta tutto ciò che è rifiuto in precisi canali di trattamento finalizzati di volta in volta al riciclo di materia, al recupero di energia e materia. Nel riminese abbiamo raggiunto l'obiettivo di chiudere le discariche e comunque il ricorso ad esse vale oggi circa l'8% e, ovviamente, tendiamo a diminuirne l'utilizzo. Tutto questo sistema porta ad una percentuale di efficienza ambientale che oggi è superiore al 90%. Nell'ultimo quinquennio anche sul territorio riminese abbiamo raddoppiato la quota di raccolta differenziata, oggi al 60% e grazie al termovalorizzatore di nuova generazione, ad alta efficienza energetica ed ambientale, il sistema va completandosi. Ora investiremo 6,5 milioni in un impianto per il trattamento delle plastiche e 3,5 milioni per il trattamento dell'organico, così da superare il semplice compostaggio ed arrivare ad un trattamento anaerobico per produrre biogas ed energia".

http://www.rimini.com/news/index/notizia-11876